#Aumento potenza motori ad iniezione diretta di benzina

Aumento potenza motori ad iniezione diretta di benzina

Seletron Performance

Aumento potenza motori ad iniezione diretta di benzina

Oramai si vedono molte sigle sulle auto che stanno ad indicare questo tipo di sistema di iniezione di benzina, basta citare le sigle FSI o TFSI, sicuramente tutti le conosciamo. Molte sono le case automobilistiche che hanno investito in questa tecnologia, tra i primi possiamo ricordare i GDI di Mitsubishi, poi seguiti da tanti altri come gli appena citati Audi e VW, ma anche BMW e Mercedes e tante altre case produttrici di automobili.

Ma come funziona l'iniezione diretta di benzina?
Ricordate il vecchio carburatore? Dopo questo datato sistema sono nati i primi sistemi di iniezione di benzina meccanica ed anche i primi sistemi di iniezione single-point, ovvero, un solo elettro-iniettore montato al posto del carburatore con una centralina elettronica che ne gestisce il comando elettromagnetico. Non molto diffuso, questo sistema è stato presto soppiantato dal più raffinato multi-point, ovvero il sistema di iniezione (ancora oggi in uso) che prevede in elettro-iniettore per ogni cilindro, posto sul collettore di aspirazione in prossimità della valvola di ingresso.

Di tipo sequenziale, questo sistema è stato perfezionato negli anni grazie anche ad elettroniche sempre più complesse, veloci e raffinate. Questo sistema, cosi come il precedente single-point, fa parte dei sistemi di iniezione indiretta, ovvero, la miscela viene preparata fuori dal cilindro. I sistemi di iniezione diretta di benzina invece, pur con differenze costruttive e di pressioni di lavoro, sono del tutto simili ai sistemi common-rail impiegati sui motori Diesel. Ogni cilindro ha un suo elettro-iniettore posizionato indicativamente al centro della testa, gli iniettori sono alimentati da benzina in pressione (più alta rispetto ai sistemi di iniezione indiretta) accumulata nel flauto (proprio come avviene sui Diesel) e gli iniettori stessi sono comandati da sofisticate centraline elettroniche.

I vantaggi sono principalmente legati ai consumi di benzina, grazie alla posizione dell'iniettore, a bassi carichi motore, si possono creare cariche stratificate che consentono di lavorare con miscele magre che non devono necessariamente rispettare il rapporto stechiometrico. Questo consente un maggiore rendimento e quindi un aumento delle percorrenze chilometriche con un litro di benzina. Il migliore risultato lo si ha in presenza di motori turbocompressi, come ad esempio i già citati TFSI (dove la T sta appunto per turbo), oppure i motori Mercedes turbo ad iniezione diretta ed altri ancora.

Come si aumenta la potenza su un motore con iniezione diretta di benzina?
La soluzione meno invasiva e che consente il ripristino delle condizioni di serie senza lasciare tracce e senza dover fare alcuna modifica irreversibile è l'installazione di una centralina aggiuntiva per motori ad iniezione diretta. CHIPBOX, che oramai molti conoscono, si installa semplicemente attraverso il collegamento di connettori sul cablaggio del sistema di iniezione del motore.

L'elettronica digitale presente all'interno della centralina aggiuntiva, legge i valori di pressione di iniezione benzina, il valore di sovralimentazione, la fase del motore ed interviene per modificare la quantità di benzina iniettata dagli iniettori e agisce sulla pressione turbo del motore. Questo consente di innalzare l'energia delle singole fasi attive del motore con conseguente aumento di coppia massima e di potenza. Le mappe digitali presenti all'interno di CHIPBOX contengono i parametri preimpostati per attuare modifiche mirate sul sistema di gestione motore, lasciando però il totale controllo di tutte le funzioni di sicurezza alla centralina originale dell'auto (ECU) la quale, come detto, non viene minimamente intaccata dalla installazione della centralina esterna.

Si tratta infatti, di un affiancamento di una elettronica digitale esterna che lavora assieme alla centralina ECU senza richiedere nessuna modifica meccanica, nessuna modifica elettronica, nessuna riprogrammazione della centralina originale dell'auto. Rimuovendo CHIPBOX, si può riportare subito il motore alle condizioni di serie. Gli incrementi di potenza e coppia sono molto significativi, per fare un esempio, un motore 2 litri turbo ad iniezione diretta, può guadagnare (indicativamente in quanto varia da modello a modello) anche 50/70Nm di coppia massima e 30/40cv di potenza in più, il tutto, (guidando con accortezza) con la possibilità di ottimizzare i consumi di benzina! Se vuoi aumentare la potenza della tua auto ad iniezione diretta di benzina cerca il tuo modello specifico sul nostro catalogo e guarda quali aumenti di potenza e di coppia che potrai ottenere con la semplice installazione di CHIPBOX.

Verifica le prestazioni della tua auto, clicca QUI

Compare